Richieste tecniche dei traduttori a SDL Trados 2021

Ascolta audio –

Ho partecipato a una formazione SDL Trados che ha presentato i risultati di una ricerca svolta tra operatori di servizi linguistici e traduttori freelance nel corso dell’ultimo anno e ha mostrato le principali tendenze di sviluppo del mercato della traduzione e le necessità in evoluzione dei traduttori professionisti.

Per gli utenti dei software CAT Tool, il primo punto messo in evidenza è la necessità di rendere la tecnologia più facile da utilizzare. Effettivamente, a cosa serve aggiungere numerosissime funzioni a un software senza renderle però accessibili e semplici per chi le utilizza? Una delle soluzioni proposte per aggirare questo paradosso è quella di fornire maggiore assistenza tecnica e formazione da parte dei prestatori dei servizi software. Questo fa parte ovviamente della cultura d’impresa, importante dal momento che i traduttori desiderano utilizzare programmi CAT forniti da imprese di cui possono fidarsi.

L’altro punto fondamentale è la questione cloud o non cloud. La maggioranza degli intervistati ha risposto che desidera puntare verso soluzioni ibride, combinate tra cloud e software installato sulla macchina.

Uno dei bisogni primari espressi dai traduttori, dato che nella traduzione di testi tecnici il 70% degli errori si deve all’uso incorretto della terminologia, è proprio la possibilità di verificare la correttezza della terminologia utilizzata. Questo è direttamente in relazione con la capacità del traduttore di convincere le imprese clienti del loro bisogno di acquistare un servizio di gestione della propria banca dati terminologica, da un lato, dall’altro è in relazione con la conoscenza, da parte del traduttore, delle banche dati terminologiche ufficiali e approvate dalle maggiori istituzioni internazionali che sono disponibili gratuitamente online.

Per le basi terminologiche specifiche per un determinato progetto o impresa, è possibile fare uso di applicazioni tecnologiche come quelle fornite da SDL: Glossary Converter (per incorporare glossari Excel nei progetti Trados), ProjectTermExtract, SDL MultiTerm Extract, GroupShare, SDL Language Cloud Terminology (per salvare la terminologia in Cloud, con la massima flessibilità, condividendola con chiunque e su molteplici dispositivi).

Con SDL MultiTerm Online è ora possibile sviluppare la propria wiki (mini-enciclopedia online per un’azienda specifica) che è possibile consultare, da parte dell’azienda cliente, senza dover accedere al software Trados, ma direttamente online nel browser, in modo da poter approvare i termini utilizzati in modo semplice anche per chi non è un professionista della traduzione.

SDL MultiTerm Workflow consente di gestire l’intero ciclo di vita della terminologia, in particolare proprio l’approvazione dei termini impiegati e la modifica degli stessi, in modo facilmente accessibile per tutti gli operatori coinvolti nel processo di traduzione.

Il senso di tutti questi strumenti è quindi quello di facilitare la collaborazione tra il traduttore e il cliente per un progetto di successo. Dove trovarli? Su SDL AppStore, che fornisce gratuitamente il 70% delle applicazioni aggiuntive per l’espansione di Trados Studio (oltre 250 diverse applicazioni).

Appunti sulla formazione SDL Trados.

Per richiedere un servizio di traduzioni a Roma per le lingue inglese, spagnolo, portoghese, francese, italiano, scrivi a info@speakando.net o telefona al +39 3336841604. Massima puntualità e rispetto delle consegne.

Articolo di Silvia Cicciomessere, Interprete e Traduttrice a Roma.