Le caratteristiche chiave su cui punta il nuovo SDL Trados 2021

Ascolta Audio –

Continuare a innovare per poter essere più agili e più flessibili nel lavoro è fondamentale, come la congiuntura attuale sta dimostrando. Ho partecipato a una formazione organizzata da SDL Trados per il lancio della nuova versione del software, Trados 2021, e desidero condividere con voi le novità che sono alle porte.

Le caratteristiche chiave su cui Trados 2021 ha deciso di puntare sono: flessibilità, produttività, possibilità di personalizzare il software per le proprie esigenze e vivere il proprio ambiente di lavoro con l’animo tranquillo.

Affrontare le nuove sfide in termini di contenuti significa confrontarsi con le nuove tendenze che puntano verso Intelligenza Artificiale e megadati, la digitalizzazione delle imprese che porta con sé l’esigenza della protezione dei dati secondo la regolamentazione GDPR. Inoltre, si assiste a una frammentazione di contenuti tra le varie imprese che devono tradurre per una stessa organizzazione e una nuova esigenza di coerenza e coesione tra le terminologie utilizzate dalle varie agenzie.

Vi sono sempre più canali sui quali i nuovi contenuti, sempre più numerosi, vanno distribuiti e per i quali vanno adattati. La rapidità è necessaria per massimizzare la produttività delle imprese che vogliono lanciare i propri prodotti contemporaneamente su diversi mercati nazionali. Una serie di sondaggi svolta nell’arco dell’ultimo anno a livello internazionale ha dimostrato infatti che, contrariamente a quanto si potrebbe temere dagli sviluppi dell’intelligenza artificiale, la domanda di servizi di traduzione è in aumento ed è sempre più diversificata, soprattutto a causa dell’aumento di richieste di localizzazione di siti web e applicazioni mobili. Non ci sono abbastanza linguisti in grado di coprire le nuove commesse, ma d’altro canto vi è una nuova e più elevata pressione sulle tariffe e sull’eliminazione dei ritardi di consegna, mentre la richiesta in termini di qualità è rimasta stabile.

È necessario, pertanto, un cambiamento verso un approccio “intelligente” alla localizzazione dei contenuti, che combini la traduzione “intelligente” con la traduzione umana, per poter fornire dei contenuti sì rapidi, ma anche personalizzati e qualitativamente validi. I 1.400 linguisti interni a SDL, insieme all’équipe di tecnici, hanno cercato di ottimizzare con il nuovo prodotto, Trados 2021, la catena logistica dei contenuti.

Appunti sulla formazione SDL Trados Virtual Roadshow.

Articolo di Silvia Cicciomessere, Interprete e Traduttrice a Roma